Comune di Duino Aurisina | Občina Devin Nabrežina

Ricerca rapida


< vai al contenuto centrale




Il compostaggio

Che cos'è...

In natura la sostanza organica prodotta e non più “utile” alla vita (foglie secche, rami, spoglie di animali, ecc.) viene decomposta dai microrganismi presenti nel terreno che la restituiscono al ciclo naturale. Le componenti meno degradabili rimaste costituiscono l’humus, prezioso per la crescita di altri vegetali.

L’humus può essere considerato una vera e propria riserva di nutrimento per le piante data la capacità di liberare lentamente ma costantemente gli elementi nutritivi (azoto, fosforo, potassio sono i più importanti), assicurando la fertilità costante del suolo. Con il compostaggio vogliamo imitare, riproducendoli in forma controllata e accellerata, i processi che in natura riconsegnano le sostanze organiche al ciclo della vita: un perfetto riciclaggio dei rifiuti organici. Il processo per creare il “compost” è, dunque, copiato dalla natura. E' un peccato gettare nei cassonetti delle immondizie i rifiuti organici della cucina e dell'orto-giardino. Tali scarti sono materiale prezioso che invece di gravare inutilmente sul trasporto delle immondizie e sulle discariche dove diviene estremamente inquinante, può essere vantaggiosamente trasfromato in humus e restituito al terreno.

I Vantaggi...

Garantisce la fertilità del suolo fornendo un fertilizzante naturale, utilizzabile nell’orto, in giardino e per le piante in vaso;

Consente un risparmio economico limitando l’acquisto di terricci, substrati e concimi organici;

Previene la produzione di inquinanti atmosferici che si genererebbero dalla combustione di questi scarti;

Contribuisce a risolvere il problema dei rifiuti in quanto il rifiuto organico è circa un terzo dei rifiuti prodotti. Recuperarlo in proprio significa diminuire i costi di smaltimento, rallentare l’esaurimento delle discariche e ridurre gli odori e il percolato da esse prodotti. Con il compostaggio si evita anche l’incenerimento degli scarti organici umidi garantendo una migliore combustione e diminuendo lo spreco di energia.

Si tratta dunque di una scelta importantissima non solo per la corretta gestione dei problemi ambientali, ma anche per la massima salute e vitalità del nostro orto o giardino, nonché delle nostre fioriture in vaso.

Cosa...

I rifiuti che è possibile trasformare in compost sono quelli organici e biodegradabili, cioè quelli che possono essere decomposti e trasformati in altre sostanze da alcuni batteri.


Rifiuti umidi

  • Sfalci verdi
  • Avanzi di cucina
  • Salviette
  • Carta non trattata
  • Alimenti avariati
  • Scarti di verdure e frutta
  • Fondi di caffè e filtri di thè

Rifiuti secchi

  • Ramaglie
  • Paglia
  • Foglie secche
  • Sfalci verdi
  • Cartone
  • Truciolo

Quanto più vario e meglio miscelato è il materiale da compostare tanto più equilibrata sarà la sua composizione e più facile il compostaggio. Al fine di equilibrare il rapporto carbonio/azoto è importante miscelare materiali con caratteristiche diverse.

Nella tabella Quali sì, Quali no e Perchè vengono indicati quali materiali sono i più adatti al compostaggio e le motivazioni per cui lo sono.

   Quali sì, Quali no e Perchè

Dove...

Per il compost è bene scegliere un luogo parzialmente ombreggiato, ma esposto a sud, possibilmente lontano dai confini con altri giardini. Nei cumuli e nei cassoni aperti, il compost deve sempre essere coperto con uno strato di materiale permeabile come paglia, vecchie stuoie o sacchi di juta. Questo al fine di impedire l'eccesso di calore nelle giornate di sole e che il cumlo s'inzuppi troppo d'acqua nelle giornate piovose.

Ecco alcuni esempi su dove effettuare il compostaggio.

Il cumulo e la cassa di compostaggio: sono i metodi più efficaci per la migliore aerazione e il facilitato rivoltamento.Questi metodi sono adatti per coloro che posseggono un ampio giardino.

Il composter: é un contenitore aerato, studiato per fare il compostaggio in piccoli giardini, senza attirare animali indesiderati. Esistono diverse soluzioni: dall’economico fai-da-te (in rete metallica rivestita), al composter chiuso in plastica.

Le 5 regole d'oro

Per non creare problemi (cattivi odori, animali ecc.) é importante controllare e seguire il processo.

  • Il luogo adatto: Scegliere un posto ombreggiato (sotto un albero). Evitare zone fangose con ristagno d'acqua
  • Preparazione del fondo: Predisporre un drenaggio con materiale di sostegno (ramaglie, trucioli, ecc.)
  • Buona miscelazione (porosità, acqua e azoto: Apporto vario e regolare di scarti compatibili (non solo scarti di cucina)
  • Garantire l'aerazione: Assicurare la presenza di ossigeno, utilizzando materiali che diano porosità e rivoltando quando necessario
  • La giusta umidità: Assicurare il livello ottimale di umidità, drenando, ombreggiando o annaffiando il compost