Servizi tecnici - Edilizia e Paesaggio

Due distinti procedimenti: differenziazione tra attività di tutela paesaggistica ed esercizio di funzioni amministrative in materia urbanistico-edilizia.

 L’articolo 146, comma 6 del D.Lgs. 42/2004 e s.m.i. prevede che “La regione esercita la funzione autorizzatoria in materia di paesaggio avvalendosi di propri uffici dotati di adeguate competenze tecnico-scientifiche e idonee risorse strumentali.

Per eseguire opere esterne che modificano lo stato dei luoghi, di edifici o aree soggette a vincolo paesaggistico (ai sensi e per gli effetti della Parte IIIa del D.Lgs 42/04), o nei casi in cui si intenda realizzare interventi che possono arrecare “pregiudizio ai valori paesaggistici oggetto di protezione” (art.146 D.Lgs.42/04), i proprietari, possessori o detentori a qualsiasi titolo di beni vincolati, devono presentare la richiesta di autorizzazione paesaggistica con il progetto degli interventi che intendano intraprendere, corredato della prescritta documentazione.

L'Autorizzazione Paesaggistica non è prescritta per gli “interventi di manutenzione ordinaria, straordinaria, di consolidamento statico e di restauro conservativo che non alterino lo stato dei luoghi e l'aspetto esteriore degli edifici. [...] (art.149 D.Lgs.42/04): in questi casi il tecnico incaricato potrà inoltrare una dichiarazione con la quale assevera che l'intervento da realizzare “non comporta alterazione dello stato dei luoghi e dell'aspetto esteriore degli edifici” allegando adeguata documentazione fotografica ed una relazione tecnica descrittiva delle opere da effettuare.

SI RAMMENTA CHE L'AUTORIZZAZIONE PAESAGGISTICA NON ABILITA ALL'ESECUZIONE DELL'INTERVENTO, in quanto costituisce atto distinto e presupposto alle C.I.L.A. (Comunicazione Inizio Lavori Asseverato), alle S.C.I.A. (Segnalazione di Inizio Attività) ed ai Permessi di Costruire, regolamentati dalla Legge Regionale n. 19/2009 e s.m.i. . I LAVORI NON POSSONO ESSERE INIZIATI IN DIFETTO DI ESSA.

Si sottolinea altresì che la procedura di rilascio dei provvedimenti paesaggistici non comprende l'esame di carattere tecnico-giuridico degli interventi proposti, pertanto dovrà essere cura del professionista incaricato effettuare anche la verifica di conformità del progetto a norme e regolamenti vigenti.

L'autorizzazione è valida per un periodo di cinque anni, scaduto il quale l'esecuzione dei progettati lavori deve essere sottoposta a nuova autorizzazione.

I lavori iniziati nel corso del quinquennio di efficacia dell'autorizzazione possono essere conclusi entro e non oltre l'anno successivo la scadenza del quinquennio medesimo.

Il termine di efficacia dell'autorizzazione decorre dal giorno in cui acquista efficacia il titolo edilizio eventualmente necessario per la realizzazione dell'intervento, a meno che il ritardo in ordine al rilascio e alla conseguente efficacia di quest'ultimo non sia dipeso da circostanze imputabili all'interessato.


 

Per la presentazione delle istanze di autorizzazioni paesaggistiche o accertamenti di compatibilità paesaggistica nel Comune di Duino Aurisina, ogni informazione utile è disponibile sul sito della Regione FVG all'indirizzo:

http://www.regione.fvg.it/rafvg/cms/RAFVG/ambiente-territorio/tutela-ambiente-gestione-risorse-naturali/FOGLIA200/FOGLIA13/articolo.html