Lettera aperta del Sindaco

Cari Cittadini, Care Cittadine,

stiamo vivendo un momento davvero difficile.
Un momento DURO soprattutto per chi si prende cura della nostra SALUTE, per tutti coloro che lavorano in ospedale e fanno servizi sanitari, ma anche per le Forze dell’Ordine.
A loro prima di tutto va il mio sentito GRAZIE!
Comprendo bene però che per tutti è difficile: difficile restare a casa, difficile come genitori seguire i nostri figli con una metodologia del tutto diversa da quella che eravamo abituati, difficile come figli di genitori anziani che magari per loro tutela e per proteggerli non possiamo visitare, per noi che lavoriamo, per mariti e mogli di medici, di poliziotti e carabinieri, di Vigili del Fuoco o infermieri, o anche cittadini per i quali è semplicemente difficile non avere più relazioni sociali o uscire a fare una passeggiata.
Per tutti è un momento molto duro da superare.
Il numero dei contagi sta diminuendo e ciò significa che siamo sulla strada giusta. A tale proposito vi informo che oggi il quotidiano “Il Piccolo” ha riportato un dato sui positivi a Duino Aurisina del tutto inesatto e maggiore a quello comunicato ufficialmente dall’Azienda Sanitaria e pubblicato sul sito della Protezione Civile.
Ho chiesto una rettifica e una replica immediata.
Vi ricordo che questi dati sono riservati e vengono trattati dai soggetti operanti nell’ambito dei servizio nazionale di protezione civile e dai servizi sociali e di polizia nei casi in cui ciò risulti indispensabile ai fini dello svolgimento delle attività connesse alla gestione dell’emergenza sanitaria in atto.
Vi tranquillizzo sul fatto che tali persone sono prese in carico dal Dipartimento di Prevenzione ASUGI, che segue l’utente sia sotto l’aspetto sanitario che socio sanitario raccordandosi, per questo, con i servizi sociali del Comune al fine di individuare e applicare tutte le azioni necessarie.
Un percorso che rispetta i diritti di riservatezza e di libertà degli interessati.
Questa modalità consente di mettere in campo in modo sinergico tutte le istituzioni pubbliche nel rispetto delle competenze e delle funzioni attribuite dalla legge e dai regolamenti, al fine di tutelare la salute pubblica e il benessere psico-fisico del cittadino. Un concetto che sta alla base di quella che oggi semplicemente ma con orgoglio chiamiamo PROTEZIONE CIVILE.
Faccio a tutti voi un invito che è quello di attenersi alle comunicazioni ufficiali e non prendere in considerazione notizie false o che danno indicazioni diverse da quelle ufficiali, creando inutili dubbi e inutili allarmismi tra la popolazione.
Dobbiamo tutti avere RISPETTO e SOLIDARIETA’ per chi si è ammalato, non serve fare una caccia alle streghe o la ricerca di un numero un nome o un dato.
Oggi se dobbiamo uscire, trattiamo tutti come se fossero positivi, le precauzioni e le misure del contagio devono restare alte. Cerchiamo di uscire solo se strettamente necessario.
Ci tenevo a scrivere queste righe perché solo assieme possiamo superare questo difficile periodo.
So che siamo una COMUNITÀ VERA E SOLIDALE.
CHIEDO A TUTTI la massima RESPONSABILITA', il massimo RISPETTO PER GLI ALTRI e ancora tanta solidarietà come in tante altre occasioni avete saputo dimostrare.
Gestire un’emergenza non è facile, quando nell’aprile 2018 ho aggiornato il piano di emergenza della Protezione Civile vi dico sinceramente che mai avrei pensato di applicarlo. Ma io con tutta la Giunta, la struttura Comunale e la Protezione Civile a cui va il mio più sentito ringraziamento, sono a vostra disposizione.
Ora stiamo lavorando sul fronte salute, ma i miei assessori sono concentrati a trovare soluzioni e proposte dal punto di vista economico e a sostegno delle attività produttive del Comune di Duino Aurisina, da mettere in campo quanto prima. Nei prossimi giorni sarà anche pronto il regolamento per i nuovi buoni spesa per le persone in difficoltà e al numero 040-2017389 in caso di necessità potete chiamare per piccole commissioni o una spesa se non potete uscire.
Speriamo tutti che il trend di contagi in discesa di questi giorni continui e che ci porti di nuovo quelle libertà, che adesso sappiamo apprezzare forse come non mai, quando questa emergenza sarà finita.
Perché finirà vedrete, ci vorrà pazienza e responsabilità da parte di tutti, ma finirà.
VI CHIEDO DI NON MOLLARE! TENIAMO DURO E TORNEREMO NEI NOSTRI BORGHI, NELLE NOSTE PIAZZE, SUL NOSTRO CARSO E AL NOSTRO MARE !

 

 

ODPRTO PISMO OBČANOM DEVINA NABREŽINE

 

Drage občanke, dragi občani,
trenutno preživljamo težke čase.

Časi so težki še zlasti za delavce, ki skrbijo za naše zdravje v zdravstvenih domovih in bolnišnicah, ter za pripadnike varnostnih sil.

Zato se najprej obračam nanje in se jim iz srca zahvaljujem!

Razumem, da je izziv za vse vas zelo zahteven: težko je ostati doma, težko je vsem tistim staršem, ki se morajo čez noč privaditi novih pristopov in pomagati otrokom pri učenju, težko je otrokom, ki zaradi preprečevanja okužbe ne smejo več zahajati k svojim staršem, težko je vsem nam zaposlenim, težko je nenazadnje vsem zakoncem zdravnikov, policistov in karabinjerjev, gasilcev in zdravstvenih delavcev, in na splošno tudi vsem tistim, ki ne morejo več vzdrževati osnovnih medosebnih odnosov, oziroma ki ne morejo več niti na krajši sprehod.

To so za vse težko premostljive ovire.

Postopno zmanjševanje števila okužb nam potrjuje, da smo ubrali pravo pot. S tem v zvezi vam sporočam, da je danes dnevnik Il Piccolo objavil napačne podatke o okuženih v Občini Devin Nabrežina, ki presegajo tiste uradne, posredovane od zdravstvenega podjetja in objavljene na spletni strani Civilne zaščite. S tem v zvezi sem zahtevala takojšnjo objavo popravka.

Spomnim vas, da govorimo o zaupnih podatkih, za obdelavo katerih so pooblaščeni zaposleni v državni Civilni zaščiti in v organih socialne službe ter policisti, ko je to potrebno za izvajanje ukrepov, vezanih na izredne razmere za preprečevanje širjenja virusa.

Okužene je že sprejel v obravnavo oddelek za preventivo zdravstvenega podjetja ASUGI, ki v sodelovanju z občinsko socialno službo skrbi tako za zdravstveno nego bolnika kot za njegovo socialno- zdravstveno oskrbo z izdelavo in izvajanjem ustreznih posegov in ukrepov.

Tak postopek obravnave spoštuje bolnikovo pravico do zasebnosti.

Opisani način ukrepanja omogoča sodelovanje vseh javnih institucij in ustanov glede na pristojnosti in delovno področje, ki jim jih priznavajo zakoni in pravilniki za dosego ciljev na področju javnega zdravstva ter duševne in telesne blaginje občanov. Zgoraj navedeno je navsezadnje tudi definicija pojma, ki ga s preprostima besedama a ne brez ponosa imenujemo CIVILNA ZAŠČITA.

Ponovno vas pozivam k spoštovanju uradnih navodil in vas hkrati prosim, da ne upoštevate lažnih novic oziroma takih, ki odstopajo od uradnih nasvetov in zato v javnosti ustvarjajo zmedo, nezaupanje ter nevaren preplah.

Vsi skupaj izrazimo vso svojo spoštovanje in solidarnost do bolnikov in vzdržimo se lova na čarovnice, na številke, na imena in na podatke.

Če že moramo z doma, spomnimo se, da moramo spoštovati najstrožje ukrepe in ravnati izredno previdno, da omejimo širjenje virusa.

Čutila sem potrebo, da naslovim to pismo na vas in da vas povabim k sodelovanju, ker edino le skupaj bomo lahko premostili sedanje težave.

Vem, da smo povezana in solidarna skupnost.

Ponovno vas pozivam k odgovornosti, k spoštovanju ostalih ter k sicer že večkrat izkazani solidarnosti do sočloveka.

Delo v izrednih razmerah ni enostavno in priznati moram, da, ko sem aprila leta 2018 posodobila občinski načrt civilne zaščite za ravnanje v izrednih razmerah, še na misel mi ni prišlo, da bi ga morala kdaj izvajati. Danes pa sem vam na razpolago skupaj z občinskim odborom, upravo in Civilno zaščito, ki se ji prav prisrčno zahvaljujem.

Čeprav vprašanje zdravstvene nege obolelih terja vso našo pozornost, se člani občinskega odbora posvečajo tudi iskanju rešitev in predlogov za podporo gospodarstvu v Občini Devin Nabrežina, in sicer s čimprejšnjimi ukrepi. V prihodnjih dneh bomo objavili pravilnik za izdajo pravkar uvedenih vaučerjev za nakupe osnovnih dobrin v korist socialno ogroženih. Že sedaj pa, če ne smete zapustiti stanovanja, lahko po telefonu (040-2017389) zaprosite za pomoč in dostavo nakupov na dom.

Iskreno upam, da se bo postopno zmanjšanje števila okužb nadaljevalo tudi v naslednjih dneh, vse dokler nam ne bo vrnjena tista svoboda premikanja, ki jo danes verjetno pogrešamo kot še nikoli prej.

Zagotavljam vam, da bo tudi ta nadloga za nami, pa čeprav bomo morali nekoliko potrpeti.

NE OBUPUJTE! VZTRAJAJMO IN VRNILI SE BOMO NA NAŠE ULICE, NA NAŠE TRGE, NA NAŠ KRAS IN NA NAŠE MORJE!

 

Il Sindaco - Županja

Daniela Pallotta